Vacanze in Sicilia: cenni storici sulla città.
Vacanze in sicilia, le città, gli eventi ...

Catania, un pò di storia ...

teatro Romano / Piazza Dante

L'antica Catania, Katane fù fondata, secondo Tucidide, nel 729 a.C. Il sito della nuova città presentava condizioni ottime per uno stanziamento: una posizione protetta all'interno del porto e la fertilità della terra bagnata dal fiume Amenano. Il nucleo principale della Katane greca si concentrava nella zona oggi occupata dal Monastero dei Benedettini. Dei monumenti e dell'abitato di età greca non rimane nulla, il continuo sovrapporsi delle colate laviche e la costruzione degli imponenti edifici romani e bizantini ha cancellato il ricordo dei primi coloni.

L'età romana è senz'altro molto più rappresentata anche dal punto di vista archeologico e monumentale. Negli ultimi anni sono stati ritrovati, sempre all'interno dell'area del monastero dei Benedettini, ambienti con pavimenti a motivi geometrici di età repubblicana, pareti dipinte, mosaici e frammenti di oggetti di uso quotidiano. Qualche anno fa, in via Crociferi, è venuta alla luce una strada romana con canalizzazioni trasversali che servivano per la distribuzione dell'acqua proveniente dall'acquedotto di piazza Dante. Sotto il piano stradale della bellissima via barocca si conservano anche ambienti di edifici romani con pavimenti a mosaico, colonne e altre decorazioni.

Con l'arrivo dei Normanni le caratteristiche urbane della città si fecero più chiare, il Duomo divenne il cuore della piazza principale localizzata strategicamente vicino al porto per facilitare le attività commerciali. La costruzione del castello Ursino fu motivata da ragioni militari perché la vicinanza con il mare consentiva, allo stesso tempo, un controllo sul porto, sulla pianura e sulla città.

Il Seicento non portò grandi miglioramenti al tessuto urbano di Catania così come era avvenuto a Messina e a Palermo. La città rimase chiusa dentro la stretta cintura delle mura medievali con le case soffocate dentro spazi troppo angusti e male organizzati. Dopo il terribile terremoto del gennaio 1693, il centro storico venne interamente ridisegnato ed assunse l'aspetto che, in larga parte, possiamo ancora oggi ammirare.